Crea sito

6 storie della Marvel per sconfiggere la noia

E’ un periodo dominato da incertezze, paure, noia e rotture di palle. Poche cose possono risollevare il morale come i fumetti: ecco le storie della Marvel che non potete non leggere.

Non si sa quando finirà l’emergenza e non sappiamo quando potremo ritenere un brutto ricordo questo maledetto coronavirus. Andremo in vacanza? E, se sì, dove? Mia figlia a settembre potrà tornare a scuola e ritrovare compagni e maestre? Quando finirà il suo dominio sulla tv? Piccoli e grandi interrogativi che non mi lasciano in pace, urge trovare un rimedio. Ecco l’illuminazione: approfittare del riposino pomeridiano della piccola di casa e svagarsi con un bel fumetto. E da fan della Casa delle Idee so già cosa prendere perchè le loro avventure raramente deludono! Per chi non sa cosa scegliere e per chi è alla ricerca di qualche spunto di lettura, ecco le storie della Marvel che non potete non leggere.

Inizio con la maschera più rappresentativa, l’Uomo Ragno!

C’è chi definisce questa storia come la fine dell’innocenza dei fumetti. Perchè quando muore l’amore della tua vita, tu non sarai mai più lo stesso. La morte di Gwen Stacy è una pietra miliare della Marvel, una tragedia su carta che, ricordo bene, mi colpì come un pugno quando ne lessi le pagine la prima volta. Stiamo parlando di un ciclo narrativo degli anni Settanta, quindi potreste pensare che il tutto sappia di vecchio. Non è così! Ambientazione a parte, vi assicuro che la tragica fine della bionda e bellissima Gwendolyne non vi lascerà indifferenti, leggere per credere.

Quando pensi di esserti lasciato alle spalle un incubo e un incubo ancor più grande ti costringe ad allearti col tuo peggior nemico. Considero Maximum Carnage la MIA saga Marvel per tanti motivi: c’è l’Uomo Ragno, c’è quella “simpatica canaglia” di Venom e quel malato di mente di Carnage. Tre arrampicamuri tanto differenti se le suonano di santa ragione, tra alleanze improbabili, colpi di scena, morti violente e tante mazzate. Letta da giovanissimo diciamo che la storia fece un certo effetto, riletto oggi (qui la prima parte e qui la seconda) il prodotto mantiene intatta la sua spettacolarità.

A proposito di storie di un certo spessore, avete mai sentito parlare delle Guerre Segrete? No? Male, molto male. In questo ciclo di storie succedono talmente tante di quelle cose che ricordarle tutte o evitare spoiler è impossibile. Sicuro posso dire che in Secret Wars (titolo originale) ci sono tanti supereroi e altrettanti villain che combattono su un pianeta creato dall’entità nota come Arcano. E poi guardate con attenzione l’immagine qua sopra: Peter Parker sfoggia un fichissimo costume nero, all’epoca inedito, che mesi dopo si rivelerà molto importante per la nascita di un supercriminale del quale ho parlato poche righe fa.

E A proposito di scontri…

Un arco di storie così appassionante e che ha colpito così tante persone da essersi “meritato” una trasposizione cinematografica. Potreste non aver mai letto Civil War, gran peccato (qui la lussuosa versione completa), ma scommetto un centesimo bucato che siete in molti ad averne visto la versione filmica, al cinema o in dvd. Sono passati un po’ di anni da quando ho letto e ammirato quest’opera, ho una certa età e non ricordo proprio tutto. Però non posso scordarmi gli eroi divisi in due squadre, gli scontri fisici ma anche di ideologie, l’Uomo Ragno che sta dalla parte di Iron Man, si smaschera in diretta tv (!!!) e poi entra a far parte della “resistenza” di Capitan America. Con tutto quel che di drammatico ne conseguirà.

L’apice del fumetto made in Marvel, che per me fu anche l’inizio della fine di un amore lungo anni. Di lì a poco infatti, complice l’ennesimo riavvio della serie a fumetti di Spider Man, decisi di darci un taglio con le serie regolari. E fiondarmi su corpose e fighissime edizioni autoconclusive…

storie della marvel ambientate nel futuro, un futuro nero.

A proposito di storie della Marvel sbarcate sul grande schermo, non posso non citare Giorni di un futuro passato. Un X-Man (Kitty Pryde nei comics, Wolverine nel film) fugge dalla sua epoca, un futuro pessimo per i mutanti, tornando indietro nel tempo. Lo scopo? Evitare fatti tragici e cambiare in meglio la Storia.

Parlando di futuri possibili e non proprio radiosi, tocca citare un altro ciclo narrativo con protagonisti i mutanti. L’Era di Apocalisse ci illustra infatti cosa sarebbe successo se Charles Xavier fosse morto prima di fondare i mitici X-Men. La risposta è lugubre, drammatica e tanto, ma tanto, spettacolare. Perchè la realtà come la si conosceva non esiste più, perchè Logan ha una mano sola, Ciclope è “cattivo” e, duclis in fundo, viene presentato un nuovo mutante, particolarmente cazzuto e dal ruolo importante: Alfiere. Avete le mani bucate? Potete arricchire la vostra collezione con un cofanetto succulento: spenderete un po’ ma ne varrà la pena!

Terra X è la prima parte di una trilogia a dir poco colossale, nella quale vengono coinvolti pressochè TUTTI i volti noti della Casa delle Idee. Anche qui l’ambientazione è futuristica e tragica, con molti supereroi morti o ritirati e personaggi poco raccomandabili in posizioni vantaggiose, vedi Norman Osborn (Goblin) Presidente degli Stati Uniti. Una storia lunga, con tante sottotrame impossibili da elencare in toto, ma che non annoia. Anzi, è appassionante come poche pur non essendo divertente nel senso più allegro del termine. Perchè, in fondo, leggerete pur sempre un’opera tragica. Che vi farà venir voglia di leggere anche il secondo e terzo capitolo: Universo X e Paradiso X.

Che c’entra la DC con la Marvel? C’entra, c’entra…

Concludo con qualcosa di assai più leggero. Perchè ok i capolavori e le tragedie epiche, ma prima di tutto un fumetto deve intrattenere e lasciare il sorriso. Ecco perchè dovete trovare il modo di reperire i vari capitoli di Marvel Vs. DC! Trattasi di storie nelle quali le migliori creature delle due case editrici si scontrano, dando luogo a scontri, alleanze e storie tanto semplici ma anche tanto divertenti. Volete sapere chi vincerebbe tra l’Uomo Ragno e Superman? Occhio che la risposta potrebbe non essere così scontata…