Diventare padre, chi me lo fa fare?

Pensi che diventare padre sia solo sorrisoni, giochi e coccole? Sbagli di grosso!

Chiunque pensi che diventare padre (ed esserlo tutti i giorni) sia una passeggiata di salute farebbe bene a farsi visitare dallo strizzacervelli. Ma che sia uno bravo eh…

Ecco perchè diventare padre è tra i mestieri più difficili al mondo!
  • Per quanto ci si possa preparare con manuali e corsi, niente e nessuno sarà in grado di dirti cosa serve realmente alla gioia dei tuoi occhi.
  • Ciucci, pannolini, pappe, biberon e ti ritrovi in un amen molto più povero e molto più assonnato.
  • Tra una colichetta notturna e l’altra guarderai spesso il tuo frugoletto piangente chiedendogli minuti di riposo, senza ricevere risposta. A parte forse un fragoroso rutto in piena faccia.
  • Giorno e notte tuo/a figlio/a ti martellerà i timpani con urla così potenti che cercherai, inutilmente, il numero di telefono di un esorcista.
  • “La merda, zio, la merda!” (non occorre aggiungere altro, vero?)

Diventare padre: papà e figlio piangono

Ovviamente nessuno nasce imparato: devi tener duro, versare qualche lacrima (sì, alle volte può essere davvero snervante) e non cedere alla tentazione della classica “passatina sul gas“. Tanto puoi scommetterci che il primo a svenire saresti proprio tu perchè questi teneri fagottini sono molto più forti e resistenti di te.

Ma quindi diventare padre significa annullarsi, dire addio per sempre a vita sociale, ore intere di sonno e interessi? Assolutamente, no!

Dopo mesi di fatica e sbadigli un papà sarà in grado di sviluppare una certa corazza, frutto di esperienza, sano menefreghismo e tanto amore.

E se proprio non ce la fai più prova a farlo sorridere: la risata di un cucciolo d’uomo è in grado di ricaricare le batterie in un battibaleno e non dovrai ricorrere a bevande energetiche o assurdi intrugli fai da te.

Un sapiente uso della materia grigia permetterà poi al classico maschio alfa di godersi qualche minuto di meritato riposo e di concedersi del sano e robustissimo cazzeggio. E, dulcis in fundo, pure qualche secondo di su e giù con la propria signora, che non guasta mai…

Su col morale, la vita del papà è davvero degna di essere vissuta!

p.s. A proposito di su e giù… sfornare due figli in meno di un anno è possibile: fate bene i calcoli e usate sempre le dovute precauzioni prima di togliere le ragnatele al Kamasutra.

 

Successivo Arriva il pupo e addio tranquillità