Film horror imperdibili per una serata da brividi

Farsela sotto dalla paura è molto importante per chi ama il cinema ed è in cerca di forti emozioni. Da Freddy vs. Jason agli zombie di Romero, ecco i film horror che dovreste vedere almeno una volta nella vita.

Sta arrivando Halloween e avete in programma di spedire la prole dagli zii, così loro e i cugini si possono finalmente spupazzare quell’adorabile piccola peste. Mentre voi, moglie e marito, potete organizzare un romantico tête-à-tête. A lume di candela, funebre, con tanto di ragnatele, tapparelle abbassate e silenzio di tomba. Che almeno una volta l’anno una maratona di film horror è il caso di farsela, no?

Passo subito a consigliarvi qualche pellicola e, nel caso, ricordate alla vostra metà che dopo sarà più bello coccolarsi. Così tensioni e paure svaniranno in poco (si spera non troppo poco) tempo!

Ecco i migliori film horror che io abbia mai guardato. Avete letto bene, che io abbia mai guardato, non i migliori in senso assoluto.

Molti potrebbero pensare che alcune delle pellicole delle quali sto per parlare non siano esattamente dell’orrore. Ma cos’è l’orrore? Un mostro spaventoso forse, magari l’effetto bubusettete (lo spavento) o forse quello che non si vede e non si conosce. Io direi tutte e tre le cose e devo aggiungere che il film deve anche essere coinvolgente e, in un certo senso, deve anche divertire. Se un film horror non fa venire la pelle d’oca e non ti tiene attaccato allo schermo della tv… beh, non è un film horror.

Iniziamo con… I MOSTRI! Muhuhuahahahahah (risata classica da personaggio mefistofelico)!

Film horror: Freddy vs. Jason

Freddy vs. Jason

Il mostro che infesta i tuoi sogni o quello che ti perseguita nella vita reale? Freddy Krueger con i suoi artigli o Jason Voorhees con le sue armi da taglio? Per anni gli appassionati di un certo tipo di cinema si sono chiesti quale tra queste orride creature fosse la migliore. E la pellicola del 2003 cerca di stabilirlo, ovviamente nel più cruento dei modi.

Qualche spavento, tanto sangue, un sacco di morti (anche bizzarre) e azione a carrettate: difficile chiedere di più ad un film horror di questo tipo. E poi, ragazzi, Robert Englund con quel trucco, quelle lame e quei vestiti è un pezzo di storia del cinema. Preparate birra e patatine e fate partire il dvd, non ve ne pentirete!

Film horror: Dal tramonto all'alba

Dal tramonto all’alba

Non so veramente da dove iniziare per parlare di uno dei miei 10 film preferiti in assoluto. Magari esagero, magari no, magari non ho gusti cinematografici elevati… ma chissenefrega!

Due fratelli psicopatici in fuga prendono in ostaggio un pastore e i suoi due figli e con loro si dirigono in Messico, fermandosi di notte in un locale particolare. Particolare perchè le persone che ci lavorano si rivelano essere vampiri assetati di sangue. Ne segue, ovviamente, un’intensa serata a base di morsi, gole tagliate, pistole, fucili, martelli pneumatici e… matite. Avete letto bene, matite. Guardate il film e capirete perchè, fulminato come sono, impazzisco per questa perla cinematografica.

Dietro la macchina da presa troviamo Robert Rodriguez, il quale dirige, tra gli altri, il suo amicone Quentin Tarantino e George Clooney. A rimpolpare il cast Harvey Keitel, Salma Hayek (la sexyssima e letale Santanico Pandemonium), Danny Trejo (avete presente il film Machete?) e Tom Savini, stimato truccatore ed effettista, qui nei panni dell’irresistibile Sex Machine.

Film horror: gli zombie di Romero

Gli zombi di Romero

Se volete passare una serata all’insegna di personaggi ben caratterizzati, lamenti, sangue, paura e morte-non-morte non posso che consigliarvi più che caldamente le opere di un signore dal viso simpatico, gli occhiali enormi e dotato di innegabile genio filmico.

George Romero è il papà degli zombi, senza di lui non ci sarebbero fenomeni di massa come The Walking Dead. Ecco perchè in un articoletto dedicato ai film horror parlo di lui e delle sue creature. Dal primo film sui morti viventi all’ultimo il maestro ha saputo non solo incuriosire, spaventare e divertire i matti come me, ma ha anche fornito una brillante critica alla società moderna.

Quello di Romero è un vero e proprio ciclo, che si è sviluppato nel corso dei decenni. In principio fu l’anzianissimo La notte dei morti viventi (1968), al quale seguirono Zombi (1978), Il giorno degli zombi (1985) e i più recenti La terra dei morti viventi (2005) e Le cronache dei morti viventi (2007). La conclusione del viaggio è rappresentata dal, purtroppo, ultimo lavoro di Romero come regista: Survival of the Dead – L’isola dei sopravvissuti è stato girato nel 2009, otto anni prima del decesso del Maestro.

Film horror: 28 giorni dopo

28 giorni dopo

Un gruppo di animalisti libera alcuni scimpanzè affetti da un virus e dopo un mese… Jim si risveglia dal coma e si ritrova in una Londra deserta. Ma la capitale inglese non è propriamente disabitata, visto che il protagonista dovrà vedersela con gli zombi. Anche se, è opportuno dirlo, il mostro più spaventoso di tutti rimane sempre l’essere umano, quello ancora vivo e capace di ogni possibile nefandezza.

Capolavori di Romero a parte, l’opera di Danny Boyle (premio Oscar per The Millionaire) è il miglior lungometraggio sui morti che camminano. Questo almeno è il mio personalissimo parere, potete decidere se ho ragione o torto gustandovi comunque un buon film di genere.

Film horror: Cloverfield

Cloverfield

Monster movie, mix di fantascienza e azione, mockumentary horror. Potete definirlo un po’ come volete, sicuro ai suoi tempi (2008) la pellicola diretta da Matt Reeves (e prodotta da J. J. Abrams) suscitò grande curiosità nei cinefili. Io e la mia futura moglie non fummo un’eccezione, ovviamente, andammo al multisala e…

Fu un’esperienza, diciamo. Io ero lì, seduto bello tranquillo e divertito, mentre quella fifona, grazie alla particolare tipologia di ripresa e a qualche spavento, si faceva venire la nausea (e non era incinta) e qualche principio d’infarto. Risultato? All’ennesima stretta al braccio tipo compattatore di automobili s’è litigato!

Ecco perchè non ho paura a mettere Cloverfield nel mio scrigno dei ricordi, sotto la voce “film horror”. Non passa troppo spesso in tv, anzi non lo danno praticamente mai, forse perchè si è tutti un po’ come la mia dolce metà. Tant’è che mi son dovuto comprare il dvd per potermi ri-gustare certe scene: la Statua della Libertà decapitata fa sempre un certo effetto…

Film horror: Arac attack

Arac Attack

A proposito di mogli e compagne facilmente impressionabili, ecco una pellicola che la mia signora è ben felice di non aver mai visto. E’ aracnofobica e non oso pensare a come mi sarei ritrovato il braccio se ci fossimo ritrovati a vedere ‘sta roba.

Sì, roba. Perchè definire Arac Attack capolavoro sarebbe semplicemente esagerato. Ok, Roland Emmerich è tra i produttori esecutivi e sì, nel cast c’è addirittura Scarlett Johansson. Ma vi basterà guardare i primi minuti del film per capire che vi trovate di fronte ad un signor b-movie, un divertente ed allucinante omaggio ai film di fantascienza degli anni Cinquanta. Ma niente, davvero niente, di più.

Buona visione!

Precedente A 2 anni mia figlia mi ha regalato un Lego Successivo Film dell'orrore parte 2: The Ring e gli altri