Maldive: nostalgia canaglia!

Come per magia riaffiorano i ricordi di un’esperienza indimenticabile vissuta in un posto magnifico: che belle le Maldive!

E’ passato del tempo da quando io e mia moglie ci siamo sposati e abbiamo fatto la migliore vacanza della nostra vita. Dopo alcuni giorni in Sri Lanka, posto magnifico, ci siamo concessi del relax (e che relax!) alle Maldive, nell’isoletta nota come Rannalhi.

Era opportuno ricaricare le batterie dal momento che il tour nella ex Ceylon era stato faticoso: tanto caldo, poche ore di riposo e lunghi ed intermibabili viaggi in auto. Sì ok, ci sono state le scimmiette e gli elefanti però che sonno avevamo!

Ma il soggiorno a Rannalhi è stato più che semplice ozio… è stato un vero e proprio sballo!

Impossibile definire altrimenti la seconda metà della mia luna di miele, impossibile.

Siamo arrivati nel cuore della notte ma è solo la mattina seguente che abbiamo capito di essere in un paradiso. E i giorni seguenti mi hanno regalato tanti di quei ricordi…

  • La stanza innanzitutto era molto elegante. E potevi stare nudo in bagno a guardare il mare grazie al vetro tipo stanza interrogatori: tu vedi cosa c’è fuori ma da fuori non si può vedere te che ammiri il panorama mentre stai seduto sul wc.
  • La possibilità della colazione a letto, ne vogliamo parlare di quanto suoni strano a chi è abituato a latte/cereali al volo prima di andare in ufficio?
  • L’acqua più trasparente di quella della vasca di casa vostra: finchè non la si vede di persona non ci si può rendere conto…
  • Quanti animali si possono avvistare su un isolotto così piccolo? Un’infinità, ma voglio ricordare lo squaletto che mi è passato vicino alle gambe (!!!) e il geco che mi ha dormito vicino alla testa.
  • Le partite di beach volley prima del tramonto: c’era chi giocava alla carlona (presente!) e chi ha fatto punto con un calcio volante alla Mortal Kombat. E poi QUEL russo che sparava certe legnate da farti venire i lividi sulle braccia.
  • QUEL russo era così allegro e per niente intimidatorio che deve aver fatto sparire qualcuno nel reef, ne sono convinto!
  • Il cuba libre più caldo e carico di rum che abbia mai bevuto, inutile dire in che stato sono andato a dormire quella volta…

La sera che io e mia moglie abbiamo lasciato le Maldive un velo di tristezza ci ha avvolti perchè eravamo ben consci che era stata un’esperienza memorabile.

A distanza di anni siamo sicuri di due cose: ci manca quell’acqua così trasparente e se potremo torneremo a Rannalhi!

Oddio, QUEL russo…  ha appena bussato alla mia porta, speriamo abbia pietà di me!

 

Precedente Sogni per il futuro: cosa farà da grande? Successivo L'importanza dei giochi quando si è piccoli