Secondo figlio: sì o no?

Un noto motivetto cantava “Three is the magic number” e, riflettendo sulla possibilità di avere o meno un secondo figlio, non posso che essere d’accordo. Anche se…

Sarà banale da dire ma avere un secondo figlio non è una decisione così semplice da prendere. Gli innegabili aspetti positivi sono in parte oscurati da quegli altri fattori che rischiano, almeno secondo me, di minare la serenità e gli equilibri famigliari.

quale sentimento deve prevalere?

Per quanto sia così potente da smuovere le montagne non bisogna solo considerare l’amore perchè, purtroppo, non si vive di solo quello. E il vil danaro sa essere uno spietato deterrente: con l’arrivo di una quarta (ed esigente) persona aumentano, manco a dirlo, anche le spese!

Puoi essere il genitore più previdente al mondo e aver conservato attrezzature e vestitini di ogni tipo, ma ogni bimbo ha il diritto di possedere qualcosa di suo, no? E stai certo, caro papà, che non si accontenterà di un fumetto usato o di una bustina di figurine. Lui vorrà l’album completo e pure i doppioni da scambiare con gli amici.

Pensavi di tornare a giocare a calcetto una volta ogni tanto? Caro mio sei un povero illuso. Ricordi quanta fatica avete fatto tu e tua moglie ad abituarvi a levatacce, pianti immotivati, colichette e dentini affilati come rasoi? Ovviamente la storia si ripeterà e non è detto che l’esperienza accumulata vi sarà d’aiuto!

Anche perchè i dentini affilati come rasoi raddoppiano e l’incidente masticatorio non è nemmeno quotato dai centri scommesse.

Se prima eravate in due ad occuparvi di un tenero frugoletto, con l’arrivo di un secondo bebè sarà uno spietato e a volte doloroso 2 “contro” 2! Gli anni passano, gli acciacchi aumentano e non è scontato che voi poveri genitori possiate concedervi del tempo a letto… cercando di rendere meno insopportabile la cervicalgia.

Ma quindi…

Mettere al mondo un secondo figlio è un’esperienza di vita riservata unicamente a ricchi sfondati e in perfetta salute? Bella domanda, la forza che dovrai dimostrare di avere non sai manco tu di possederla…

Ma prova ad immaginare come sarebbe bello sfidare moglie e primogenita/o a beach volley durante le vacanze al mare: non sarebbe più divertente se in tua compagnia ci fosse un altro piccolo te?

Precedente Russia 2018: il Mondiale che vorrei Successivo Disoccupazione, che brutta bestia!