I Transformers preziosi sono l’apoteosi del rimpianto

Ci avete giocato negli anni 80 e 90 e poi li avete dati via? Quando verrete a sapere quanto valgono questi Transformers preziosi vi scenderà una lacrimuccia.

Transformers preziosi più dell’oro? Sembra una barzelletta ma non è così, più o meno. Amo Optimus Prime & C. da quando ero piccolo. La passione si è assopita, poi ho scoperto che a distanza di 20 e più anni certi giocattoli non erano usciti di moda e la mania è tornata. Grandi o piccoli, auto o dinosauri, l’importante è che ci siano robot che si trasformano: la pensavo così quando avevo 6 anni e la penso così oggi, che di anni ne ho giusto qualcuno in più.

Diventando grandi la cosa bella è che puoi ampliare le tue conoscenze e puoi toglierti sfizi e curiosità. Così mi sono chiesto: quanto varrebbe, oggi, il mio vecchio Commander? Che sarebbe Optimus Prime ma me ne fotto chè sono ancorato ai cari, vecchi nomi del doppiaggio italiano. Comunque ho cercato sul web e, senza fare troppa fatica, ho trovato delle risposte. Non saprei se definirle piacevoli o meno perchè portano una certa nostalgia, un po’ di rimpianto e anche una buona dose di bestemmie. Chi l’avrebbe mai detto che certi vecchi giocattoli trasformabili potessero valere tanto?

Per cui, senza perdere troppo tempo…

Ecco 15 Transformers preziosi, così preziosi che, se li avete buttati, vi verrà il mal di stomaco per il rimorso.

Omega Supreme

Un gigantesco robot guardiano che si trasforma in una base, con tanto di mega-cannone e razzo spaziale. Di tutti i prodotti fatti uscire da mamma Hasbro nel corso dei decenni, questo è uno dei più grandi. E preziosi. Ai tempi che furono il giocattolone non uscì in Giappone, cosa che lo rende piuttosto appetibile dai collezionisti: un Omega Supreme completo e con la scatola in ottime condizioni è stimato quasi 1700 euro!

Motormaster

Gli Stunticons, almeno per me, sono tra i Decepticon più fighi in assoluto anche perchè possono unirsi per formare l’ottimo Menasor. Il capo di questo allegro gruppetto, una versione malvagia di Optimus Prime, non fa certo eccezione: motrice nera, rimorchio grigio con decorazioni viola e quell’aria da “mò ti meno” che non guasta. Non c’è da stupirsi se Motormaster sia ancora oggi ricercato: è opinione diffusa che ad un’asta una mint condition del prodotto (condizioni pressochè perfette) possa superare i 2000 dollari.

Galvatron

L’evoluzione di Megatron in un essere più potente e minaccioso, apparso per la prima volta nello storico film animato del 1986. Viola, cazzuto, con quell’arma tanto arancione quanto letale e la possibilità di trasformarsi in una sorta di cannone galattico: commerciabile a dir poco! Io non potevo resistere e in casa infatti ne ospito una versione giocattolosa, moderna e tutto sommato apprezzabile. Ma sapete quanto è rischiesta la primissima versione che vedete ritratta nella foto qua sopra? Beh, un botto e nessuno si stupirebbe di vedere qualcuno scucire 1500-1700 euro per una mint condition.

Blaster

Non propriamente il massimo della minacciosità, non è vero? Ma è proprio la sua alt mode a rendere questo Autobot decisamente richiesto. Uno stereo portatile rosso, grigio e giallo, che una volta trasformato può ospitare nel suo petto un mini robot trasformabile in cassetta. E’ praticamente la versione buona e un po’ sfigata di Soundwave! Del giocattolo ci sarebbero da dire un paio di cose: 1) all’epoca non vennero create riproduzioni delle suddette cassettine (!!!) e 2) potete vendere tranquillamente una scatola, senza danni e completa di tutto, per duemila fruscianti dollaroni al primo pazzo che ve la chiederà.

Trypticon

Che idea affascinante un robottone in grado di trasformarsi in base spaziale, collegabile con altre e che può ospitare un tot di piccoli Transformers. Di tutti questi colossi, il più famoso è senz’altro il super tirannosauro noto come Trypticon, un Decepticon il cui giocattolo era in grado di “camminare davvero” grazie ad un paio di pile AA. Una sua confezione sigillata (attenzione, sigillata non vuole dire per forza perfetta) può superare in scioltezza i 1600-1700 euro!

Finito coi primi piatti, che ne dite di passare alle portate successive? Ecco la seconda parte sui Transformers preziosi che vorreste tanto aver conservato.

Jetfire

Un robottone che diventa un jet, dalla linea fichissima e sufficientemente attrezzato per fare il culo a qualsiasi cosa gli si pari davanti. Vi dice nulla? Potrei definire Jetfire come il frutto dell’amore tra la Hasbro e Robotech (o Macross) e se leggete qui penserete che, in fondo in fondo, lo scemo che sta scrivendo non ha affatto torto. Siete in bolletta e ne avete uno ancora inscatolato in condizioni eccezionali? Se pescate il pollo giusto non escludo che ci possiate fare anche più dei 1700 euro che sarebbe poi il suo (teorico) valore. Il personaggio vi alletta? In commercio c’è una versione a passo coi tempi, basata sulla trilogia War for Cybertron, il cui prezzo oscilla parecchio. Il mio consiglio è di tenere d’occhio l’articolo (eccolo) e aspettare cifre decisamente più umane.

Fortress Maximus

Ogni generazione ha quei giocattoloni che tutti volevano e quasi nessuno è riuscito ad avere. Lato Transformers, il bestione ritratto in foto fa parte del gruppo di questi…  sogni mostruosamente proibiti. Circa 60cm di altezza per un titano che può diventare una bellissima base operativa e che all’epoca costava l’equivalente odierno di 80-85 euro. Ma si parla di 30 anni fa, oggi chi può dire quanto un appassionato sarebbe disposto a scucire? Personalmente non sgancerei granchè, ma, oh, è mera questione di gusti personali.

Grimlock

Il capo dei Dinobot, un vero roboleader in grado di trasformarsi in T-Rex e tra gli Autobot più famosi di sempre. A me personalmente non fa impazzire, ma ammetto che l’idea in sè è strepitosa. Originariamente della scuderia Takara Diaclone, rappresenta il più fulgido esempio di quel “rimpasto” che Hasbro adotta da sempre per meri fini commerciali. Prendi un prodotto figo, ne acquisti la licenza, lo rielabori ed ecco pronto qualcosa di nuovo (ahahah) che ti farà guadagnare un fottio di soldi. Quanto vale oggi il primo Grimlock originale? Completo e con la scatola a posto è stimato poco oltre i 2000 dollaroni sonanti e fruscianti. Mica male, eh?

Starscream

Per me, che sono affezionato all’adattamento italiano, rimarrà sempre Astrum, lo scagnozzo di Megatron che vorrebbe tanto essere come il suo non-così-amatissimo leader. Un personaggio noto per un giocattolo talmente famoso che è andato a ruba in tutte le sue forme, edizioni, reimpacchettamenti e via dicendo. Praticamente tutti, appassionati e non, avevano o hanno ancora oggi uno Starscream a casa (ecco ad esempio una versione deliziosa e poco costosa). Ma è proprio a causa delle frequenti ristampe che un esemplare originale non è poi così facile da trovare: se ne avete uno con tanto di scatola, sappiate che 1600 euro ve li fate come ridere.

Soundwave

Il caro, buon, vecchio Memor! Con tutte quelle letali cassettine che gli escono dal petto e quella trasformazione in walkman che lascia tanto perplessi quanto è iconica. Il secondo dei Decepticon, il consigliere di Megatron e anche l’oggetto dei desideri dei ragazzini degli anni Ottanta che sono adulti nel 2021. Ne ero affascinato ieri quanto mi strappa un sorriso oggi. Sorriso che svanisce immediatamente quando vedo il suo FUNKO e soprattutto quando vengo a sapere il valore di un esemplare appartenente alla prima ondata, anno 1984. Eh? Ah, sì… vale più di 2000$!

E finiamo col dolce, si fa per dire…

Bumblebee

Maggiolino, un personaggio che ha resistito al passare del tempo, tanto da comparire nei film di Michael BUMBUM Bay e in una pellicola stand alone (o quasi). E’ da sempre presente sul mercato con svariati look e in differenti taglie, il che ci porta alla sua minuscola versione rossa. Venduta, un po’ di tempo fa, ad oltre 2500 euro. DUEMILAECINQUECENTO EURO!

Defensor

Aaaaah, i combiner. Sono la risposta affermativa alla domanda esiste qualcosa di più figo di un Transformer? Perchè, ovviamente, più robot che si uniscono per formarne uno gigante sono la fine del mondo. Se i vecchi G1 normalmente valgono singolarmente intorno ai 1000$, pensate a quanto possa valere una maxi scatola che ne contiene 5. Transformers preziosi quanto l’oro? Quasi o forse anche di più. A tal proposito vi sottopongo il caso dei Protectobot, che danno vita all’ottimo Defensor: con tutti i pezzi e la scatola originale si ha tra le mani tremila dollari di roba. Mica male per un camion dei pompieri e 4 mezzi del pronto soccorso.

Megatron

Megatron è proprio un pistola, letteralmente. Se il personaggio in sè brilla per cattiveria e carisma, lo stesso non si può dire per la sua trasformazione e relativo giocattolo. Ok che stiamo parlando di roba di 30 anni fa, ma per me siamo forse di fronte ad una delle acton figure più brutte di tutti i tempi. Non ai livelli di certi orrori, ma quasi. Eppure la pistola che diventa un pessimo robot ha il suo perchè: sembra tutto sommato realistica e poi, udite udite, nella sua confezione e in buone condizioni vale la ridicola cifra di 3300 euro! Scommetto che vi siete pentiti di aver dato il povero Meg a quel rompicoglioni di vostro nipote, eh?

Computron

Due navi spaziali, un’auto, una moto e una trivella vanno al bar, bevono troppo Energon e fanno un’ammucchiata. Computron è il frutto dell’amore combinato dei 5 Autobot Technobot. Noooo, non fanno musica da discoteca! Si tratta di un combiner come il Defensor di poche righe fa e, proprio come lui, ai tempi veniva venduto in una costosa confezione regalo con dentro i 5 personaggi e relative armi ed accessori. Cos’ha di speciale Computron, a parte essere brutto brutto in modo assurdo? Un esemplare completo e con la scatola giudicata ufficialmente in buone condizioni vale la bellezza di CINQUEMILA dollari. Che fanno, su per giù, 4200 euro!

Optimus Prime

La classica ciliegina su una torta amarissima, il re dei Transformers preziosi. Ricordo distintamente di aver avuto questo Commander da piccolo: plastica e metallo, col rimorchio che era la fine del mondo. Giocarci era davvero uno spasso e… una scatola perfettamente integra e completa di tutto è stata venduta per 12mila fottutissimi dollari! Che sono circa DIECIMILA EURIIIIIII!!!!

Basta, non voglio aggiungere altro. A parte forse che ste confezioni maledette potete pure buttarle, basta che poi, fra qualche annetto, non facciate la cazzata di controllare quanto possano valere. Perchè, diciamocelo, il rischio di rosicare è alto.