Crea sito

Transformers strani: brutti o meravigliosi?

Da Ectotron al Topolino Optimus Prime, ecco 10 Transformers strani ma così strani che è impossibile dire se siano orrendi o bellissimi.

Autobot contro Decepticon e poi Dinobot, Devastator, Bruticus e chi più ne ha più ne metta. Se da piccolo amavo i Transformers alla follia, da grande… le cose non sono cambiate. Alla tenera età di (quasi) 38 anni, mi sono scoperto collezionista di robot che si trasformano, si combinano e mi attirano come un magnete fa col ferro. Girovagando per il web alla ricerca di possibili acquisti mi sono imbattuto in edizioni lussuose, economiche, imitazioni migliori degli originali e vomitevoli prodotti farlocchi. Menzione d’onore spetta però ai Transformers strani, prodotti che per svariati motivi mi hanno fatto inarcare il sopracciglio, un po’ come farebbe il grande Carlo Ancelotti.

Siete pronti per milkshake e macchine fotografiche che prendono vita? E che dire dei bizzarri incroci tra insetti e pesci o degli allucinanti Frankenstein robotoici frutto di collaborazioni tra brand di fama mondiale?

Non indugiamo oltre…

Ecco 10 Transformers così strani che è impossibile stabilire se siano orrendi o bellissimi.

Transformers strani: Skullgrin

Un corpo massiccio grigio e viola che farebbe venire una crisi isterica anche allo stilista più incapace. Il tutto sormontato da una gigantesca testa ossuta simil-demoniaca. Figo? Mica tanto. Considerando tutto ciò prendi il giocattolone e… lo apri a metà come un ovetto kinder (!!!) per estrarre un robottino, non orrendo ma neanche bellissimo, trasformabile in un veicolo non bellissimo ma neanche orrendo. Chi sarebbe tanto pirla da farselo regalare? Eccomi, da piccolo decisamente me ne fregavo di linee, colori ed eleganza. In qualche modo mille anni fa l’orrido schifezzone qua sopra di nome Skullgrin (linea Pretenders) mi colpì e fini nella mia collezione di Transformers strani finita chissà dove. Con grande rammarico del mio io futuro, che poi sarebbe il personaggio che sta scrivendo queste righe.

Evidentemente certi obbrobri se li ricordavano anche alla Hasbro. E infatti ecco uno dei remake meglio riusciti che potessero cavar fuori. Ocio che costa un botto, però…

Transformers strani: Monstructor

Come il cornutissimo Skullgrin, pure i Monsters della linea Pretenders fecero breccia nel mio cuore. Anche se ne ignoro i motivi, io stesso non mi capisco. Esseri plastico-gommosi brutti come un virus gastrointestinale celavano al loro interno dei robot, discretamente brutti a dire il vero. E come se non bastasse, ecco il genio: tali ciofeche si univano per dar vita al fantasmagorico e dimenticabilissimo Monstructor. Che è praticamente il più sfigato dei Combiner, fastidioso come un film uzbeko con sottotitoli in bulgaro antico.

Finito il momento nostalgico, che ne dite di fare sul serio?

Transformers strani: Perceptor

Non ricordo granchè di questo personaggio ma osservando la foto qua sopra credo di capire il perchè. Fate largo al temibilissimo Perceptor, l’Autobot che si trasforma niente meno che in microscopio?! Cioè, c’è chi si trasforma in jet, carro armato o tirannosauro… e tu mi inventi sto coso? Di tutti i Transformers strani, questo è uno dei più noiosi. Volete ridere? In commercio se ne trovano più versioni, affatto economiche: questa ad esempio viene via ad oltre 220 euro. Matte a grasse risate, brividi di freddo e poi ancora risate.

Transformers strani: Reflector

A proposito di noia, sbadigli e perplessità, che ne dite dell’ottimo Reflector (o Refraktor)? Sì, proprio lui, il Decepticon capace di tramutarsi in macchina fotografica. Così può immortalare gli Autobot mentre fanno le zozzerie in modo che quel vecchio porco di Megatron li possa ricattare. Dio mio, quante boiate sono riusciti ad inventare nel corso dei decenni? Ed è incredibile trovarne in giro versioni rivisitate e tutto sommato a buon mercato.

Transformers strani: Injector

Un Transformers che diventa un “simpatico” incrocio tra un calabrone e un pesce leone: ladies & gentlemen, ecco a voi Injector! Proviene da Beast Wars, uno show che non ricordavo nemmeno esistesse così come la linea di giocattoli dedicata, qui in Italia nota come Biocombat. Strani e brutti, i protagonisti erano/sono la dimostrazione di come una buona idea non fosse/sia sufficiente per creare giocattoli davvero fighi.

Quando due colossi decidono di collaborare possono venir fuori cose bellissime e cose orrende. Un gelato, una confezione per hamburger e un bicchiere da bibita si trasformano in… credo che la foto si commenti da sè. Transformers + McDonald’s = l’Happy Meal meno gustoso di sempre. Era davvero necessario?

Transformers strani: Terragator

Vi ricordate di Injector? Ecco, se pensavate fosse discretamente brutto vi chiedo scusa per l’immagine che state ammirando. Terragator lascia poco spazio all’immaginazione e ancor meno voglia di aprire il portafoglio. Più che di Transformers strani qui sarebbe il caso di parlare di incubi ludici: chi lo ha progettato aveva la stessa età di mia figlia? No? E allora si faceva di acidi.

Tiriamo il fiato e prendiamoci una piccola pausa da tanti abomini, vi va?

Transformers strani: Ectotron

Di trutti i Transformers strani, Ectotron è sicuramente il più appetibile e meno scandaloso. Prendi una linea di giocattoli famosa nel mondo e fondila con una delle auto più iconiche di sempre. Già, la Ecto-1 dei Ghostbusters diventa un Autobot pronto a dare la caccia ai fantasmi e a prendere a calci in culo i Decepticon. Al momento non mi pare sia possibile metter le mani su questa prelibatezza, visto che risulta esaurita un po’ ovunque. Ma prima o poi tornerà in commercio e allora…

Transformers strani: Nike Optimus Prime

A proposito di collaborazioni tra marchi famosi, Optimus Prime fa da testimonial alla Nike e si trasforma in una scarpa. Bellissimo, puzza di piede a parte. Come, non si può indossare? Meglio così, sarebbe stato onestamente troppo… troppo… WTF (macheccazzo)!

Concludiamo in bellezza, si fa per dire…

Transformers strani: Topolino Optimus Prime

La foto è in bianco e nero per un semplice motivo: sono in lutto. Perchè Topolino che si trasforma in camion come Commander (Optimus Prime nella vecchia versione italiana) mette la morte nel cuore. Più che un giocattolo una bestemmia bella e buona.

Andate a cagare, mi è passata la voglia di scrivere.

Alla prossima!