Giocattoli del passato che mia figlia dovrebbe conoscere

Da Skeletor alla Barbie, un viaggio carico di nostalgia e speranza in compagnia dei giocattoli del passato.

Mia figlia ha 21 mesi e riesce ad “usare” lo smartphone ma non sa (ancora) apprezzare fino in fondo bambole, costruzioni e giochi con la palla. Quando penso ai giocattoli del passato rabbrividisco al pensiero che la piccola di casa potrebbe non sapere mai quanto fosse divertente il Lego.

I Masters per me, le Barbie per la mamma o un pallone col quale inventarsi tiri e schiacciate impossibili. Se sei cresciuto negli anni 80 e oggi sei un genitore tieni pronto il fazzoletto perchè potrebbe scapparti una lacrimuccia. E fai in modo che la tua prole conosca certe perle, perchè ne varrà davvero la pena!

Giocattoli del passato: Barbie

Iniziamo con un grosso calibro dell’industria dei giocattoli: chioma bionda, sorriso smagliante e un corredo di vestiti, veicoli e abitazioni da far impallidire una regina. Signori ma soprattutto signore, inchinatevi davanti alla magnificenza (asessuata) di sua maestà… Barbie!

Giocattoli del passato: i Masters

Per il potere di Grayskull! Montiamo in sella a Battle-Cat e andiamo a prendere a schiaffi quell’infame di Skeletor. I Millennials non sanno nemmeno chi sia He-Man, ma chi era piccolo nel 1985-90 non si perdeva una puntata dei mitici Masters. E quel castello verde a forma di teschio in cameretta ci stava (e ci starebbe) davvero bene…

Giocattoli del passato: Ludus

E per tutta la famiglia? Potrei citare miti come L’allegro chirurgo, Twister o Brivido ma di Ludus ho solo bei ricordi, tanto era divertente nella sua semplicità. Vuoi giocare a biliardo? Ludus ce l’ha! Vuoi tirare gli anelli? Ludus ce li ha! Queste ed altre 12 spassosissime attività in una sola scatola: mica male per il “gioco dei giochi”, eh?

Giocattoli del passato: i palloni Tango e Super Tele

Imitare i tiri assurdi di Holly e cercare di pararli come farebbe Benji (o Ed Warner) oppure fare come Mila Hazuki e sfoderare una schiacciata tanto potente da buttare a terra la tua avversaria? Grazie al Super Tele o al Tango tutto era possibile! A parte, forse, emulare i gemelli Derrick, ma sono pronto a scommettere che qualche folle avrà sicuramente tentato la famigerata catapulta infernale

Precedente Maldive: nostalgia canaglia! Successivo Retrogaming: i videogiochi di una volta tornano di moda